Storia della paura. Gli inconfessabili retropensieri collettivi dell'Occidente

Storia della paura. Gli inconfessabili retropensieri collettivi dell'Occidente

Seguendo una via mediana tra ermeneutica del sospetto e archeologia del pensiero politico, l'indagine sulle paure "oscurate" del Potere nell'attuale fase del Moderno (del popolo, delle donne, dell'altro, del diverso e del contagio) diventa spia dei rapporti di forza e delle poste in gioco. La paura - già analizzata quale stato d'animo dell'uomo medievale (Le Goff, Delumeu) o depressione odierna da precarizzazione (Bauman, Augé) - svela le contraddizioni di una civiltà sorta da rivoluzioni democratiche, che ha finito per sostituire le aristocrazie dell'Antico Regime con le plutocrazie del denaro: la Plutodemocrazia, altamente instabile e oggi a rischio impazzimento.

L'Occidente, Giano bifronte smascherato, si trova innanzi a un bivio estremo: scegliere il volto illuminato dalla benevolenza e dal cosmopolitismo oppure l'oscurantismo della possessività bellicosa.

costituzione, evangelo, e notte della repubblica (1994-2016): perdere la coscienza della lingua ('logos') costituzionale ed evangelica genera mostri atei e devoti.

costituzione, evangelo, e notte della repubblica (1994-2016): perdere la coscienza della lingua ('logos') costituzionale ed evangelica genera mostri atei e devoti. costituzione, evangelo, e notte della repubblica (1994-2016): perdere la coscienza della lingua ('logos') costituzionale ed evangelica genera mostri atei e devoti. costituzione, evangelo, e notte della repubblica (1994-2016): perdere la coscienza della lingua ('logos') costituzionale ed evangelica genera mostri atei e devoti.