Stemmi. L'araldica spiegata ai ragazzi

Stemmi. L'araldica spiegata ai ragazzi

Corazza e scudo alla mano, i cavalieri del Medio Evo avevano un bel portamento, in sella a quei loro scalpitanti destrieri! Ma come riconoscerli? Sotto l'elmo protettore, un cavaliere non si distingueva affatto da un altro! Si cominciò allora a mettere pezzi di stoffa colorata in cima alle lance, a cui più tardi si aggiunsero altri segni distintivi: ecco come nacquero gli stemmi! Da allora, gli scudi si ornarono di magnifici disegni colorati per mostrare a quale famiglia si apparteneva, per quale sovrano o per quale causa si era pronti a battersi. Sovrani, cavalieri del toson d'oro, cavalieri di Malta, ecco alcuni protagonisti dell'arte araldica, ma non solo...