Religioni e sette nel mondo. Vol. 5: Le religioni degli immigrati come fattore di dis/integrazione sociale.

Religioni e sette nel mondo. Vol. 5: Le religioni degli immigrati come fattore di dis/integrazione sociale.

L'immigrazione di massa determina importanti modificazioni della struttura della popolazione italiana. Una società relativamente omogenea sul piano religioso si trova a fare i conti con una controversa presenza di culture "altre" che non di rado suscitano difesa e reazione sociale.

Appare sempre più urgente, ai fini di un più consapevole dialogo interculturale, una conoscenza delle religioni degli immigrati che ne individui le modalità di installazione nel paese che li accoglie, le trasformazioni che subiscono nell'adattamento al nuovo contesto e la loro influenza sui processi di integrazione. Le problematiche che tali religioni pongono alla società italiana sono le più diverse; infatti si possono manifestare o come fattore d'integrazione e di pacificazione o, viceversa, come fattore conflittuale e di ostacolo all'integrazione. Tuttavia, se le diverse comunità di immigrati tenderanno a collocarsi all'interno di virtuose dinamiche relazionali con gli altri soggetti della società, potranno costituire una preziosa risorsa anche per determinare l'attivazione di giuste politiche di accoglienza e integrazione sociale da parte delle istituzioni civili.